Esperienze di crescita

Guardando indietro di circa quarant’anni e più non ho difficoltà a rintracciare le mie tappe esperienziali.

Dopo aver frequentato le scuole Salesiane a Schio, ho svolto, molto giovane, attività di animatore parrocchiale per cinque anni nell’ambito dell’Azione Cattolica Ragazzi e poi nell’azione Cattolica Giovani di Santa Croce di Schio (Vi), mia parrocchia di origine. Lo stesso a livello vicariale. In quegli anni sono stato anche animatore dei centri estivi per ragazzi, campiscuola per giovani e animatore vicariale del CEIAL (Centro Ecumenico Italiano per l’America Latina). Altra esperienza di animatore l’ho vissuta nei gruppi di Villa San Carlo di Costabissara (Vi). Nella parrocchia di origine sono stato membro del Consiglio pastorale parrocchiale (CPP) per dieci anni e di quello vicariale (CPV) di Schio per cinque anni. Nella parrocchia attuale (Poleo) sono da oltre dieci anni membro del Consiglio per gli affari economici (CAEP), dopo aver fatto parte per cinque anni del Consiglio pastorale.

La dimensione di “animatore”, nonostante il mio temperamento apparentemente discreto, è la costante degli anni che seguono che ora evidenzio per decennio.

1975 – 1985
Dopo la maturità tecnica (ITCG Pasini di Schio – diploma conseguito nel 1976) e durante il corso di laurea (Economia e Commercio presso Università di Verona – titolo conseguito nel 1983), sono stato animatore di gruppi giovanili in autogestione per un biennio. Proprio in quegli anni, insieme ad alcuni amici ho contribuito ad una gestione innovativa di strutture comunali realizzate dall’amministrazione comunale per lo sviluppo della comunità. Mi riferisco alla nota Palestra Mario Lanzi, primo esempio migliorabile di struttura polifunzionale, che necessitava di una gestione locale mista di rappresentanti di quartiere e provenienti dalla realtà parrocchiale. Nacque così la gloriosa Polisportiva Santa Croce, fatta di giovani di belle speranze. Poi sono partito militare (Brigata Alpini Cadore – Belluno) dove per un anno, pur lavorando nell'ufficio logistico del comando brigata, ho studiato per l’università e ho gestito l' annessa biblioteca militare.
Avendo trovato occupazione lavorativa durante il militare – ho vinto infatti alcuni concorsi tra i quali il concorso presso una locale banca - alla fine della leva obbligatoria sono entrato nell’azienda di credito dove ho svolto per due anni oltre al lavoro di sportellista anche l’incarico per la CISL di rappresentante dei lavoratori per il distretto di Schio.
In quegli anni ho fatto parte, come fondatore e consigliere, di una associazione denominata Giovani Cattolici di Schio Impegnati in Politica, che si ispirava a Giuseppe Lazzati. L’impegno nasceva dalla forte collaborazione con l’Istituto Niccolò Rezzara di Vicenza e con il suo direttore mons. Giuseppe Dal Ferro ed era propedeutico all’impegno civico verso la città. Infine in quel periodo partecipavo come consigliere all’Associazione Laureati Veronesi in Economia e Commercio (ALVEC).

1985 – 2005
Questi due decenni sono caratterizzati dall’attività politica e dall’impegno professionale nella banca in cui ero stato assunto. Nel primo soprattutto l'impegno verso la Città e nel secondo soprattutto la professione. Cinque anni di consigliere comunale presso il Comune di Schio con vari incarichi politici e di commissioni amministrative e consiliari. Almeno dieci anni di impegno in azienda con incarichi gradualmente sempre più impegnativi, direttivi e poi dirigenziali coerentemente con la circostanza che la banca era trasformata da locale a nazionale e poi internazionale.

2005 – 2015
In questo decennio pur aumentando il carico di responsabilità aziendale comincio a chiedermi se la vita non possa essere vissuta anche secondo altre visioni e con altre modalità. Per non lasciarmi il dubbio accetto di essere coinvolto a Poleo, quartiere ove mi ero trasferito con la famiglia già da qualche anno. Ecco che ritorno ad essere animatore sociale, stavolta con richieste molto specifiche da parte del committente parrocchiale.
Da qui il percorso di animatore sociale per un’azione di aggregazione di un quartiere di oltre 2300 persone. Componente del CPAE e del CPP di Poleo – promotore di costruzione rete relazioni – promotore di iniziative di fundraising – promotore di iniziative di comunicazione (Comunicando Insieme – PoleoInsieme – blog Cickciakbumbum – Poleoinsieme.net) – facilitatore progetto GruppoTeatroPoleo da cui sorgono successivamente l’attuale SalaPoleo e l’attuale Casa del Giovane – promotore e facilitatore partenariati mondo cooperative, comune di Schio, Regione Veneto, Fondazione Comunità Alto Vicentino e molti altri.
Un ulteriore esperienza fondamentale in questo decennio riguarda il lavoro di recupero, sviluppo e conduzione della onlus locale: San Giorgio Onlus.
In quest’ambito: tra i promotori di OrtiPoleo (orti sociali), di Fondo Solidarietà San Giorgio (aiuto economico), di importanti iniziative di formazione sociale e di iniziative di attenzione verso la terza età nel disagio.
Il Punto d’Incontro San Giorgio, emanazione della suddetta Onlus, è il passaggio chiave per riuscire meglio nel cambiamento della comunità, nella evoluzione della comunità perché sia un po’ più autentica: lavorare su se stessi per riuscire ad essere migliori con gli altri.
Di queste due esperienze si è scritto ampiamente nelle altre sezioni (Associazioni e  in "Percorsi formativi" inserito in Chi sono ).
Infine in questo periodo viene a maturazione massima l’esperienza manageriale in azienda e nel contempo avviene il mio incontro con il counselling come esperienza che integra l’impegno nella Onlus e soprattutto nel Punto d’Incontro San Giorgio e nelle sue implicazioni.
Altre partecipazioni esperienziali riguardano il ruolo di consigliere nel cda di Ateneo SiR – Studenti in Ricerca di Vicenza e nel cda di Unisolidarietà Vicenza Onlus.